Storia

Le Edizioni della Cometa furono fondate nel 1935 da Libero De Libero, in parallelo con l'attivitą della Galleria della Cometa patrocinata da Anna Letizia Pecci Blunt. L'emblema scelto, la Cometa, era l'insegna araldica del prozio della Pecci Blunt, Papa Leone XIII.
La sede delle edizioni, in Roma, era la stessa della galleria (Tribuna di Tor de Specchi 18) che aveva anche una succursale in New York (10 East 52 Street).
Le Edizioni della Cometa, fino al 1944, nonostante nel 1939 la galleria fosse stata chiusa per motivi razziali, pubblicarono con continuitą, in 300-800 copie numerate pił 50-60 copie di formato speciale in carta Ingres (con disegni originali o incisioni di Mirco, Savinio, Capogrossi, Manzł, Santomaso, Cantatore, Marino, Tamburi, Longanesi, Guttuso, Morandi), volumi di Libero De Libero (Proverbi, Testa, Eclisse, Cesarina Gualino), Roberto Papi (Piripino), Tommaso Landolfi (Il mar delle blatte), Cesare Brandi (Voce sola), Alberto Savinio (Tragedia dell'infanzia, Dico a te,Clio), Romeo Giovannini (Anacreontiche), Luigi Salvini (Le candide Vile), Leonardo Sinisgalli (Campi Elisi), Corrado Pavolini (Dediche), Arnaldo Beccaria (Adamo), Massimo Bontempelli (Cenerentola, Introduzione all'Apocalisse).
Tra il 1940 e il 1942 uscirono anche i tre almanacchi della Cometa, Beltempo, curati da Libero De Libero e Enrico Falqui, con collaboratori, tra artisti e scrittori, quali A. Baldini, G. Papini, V. Pratolini, E. Cecchi, T. Landolfi, G. Ansaldo, B. Barilli, C. Carrą, G. De Robertis, G. Bellonci, S. Timpanaro, G. Ferrata, L. Anceschi, E. Pea, G. Macchia, G. B. Angioletti, S. A. Luciani, D. Valeri, M. Gallian, L. Bartolini, C. Betocchi, V. Cardarelli, E. Montale, S. Quasimodo, U. Saba, S. Solmi, G. Ungaretti, G. Vigolo, O. Vergani, M. Luzi, C. Alvaro, R. Bacchelli, A. Savinio, A. Palazzeschi, G. Piovene, G. Manzini, A. Moravia, L. Longanesi, E. Emanuelli, S. Aleramo, C. Bo, E. Morante, R. Carrieri, F. Flora, A. Soffici, C. L. Ragghianti, E. Villa, G. Petroni, M. Maccari, T. Scialoja, Afro, A. Bartoli, G. Capogrossi, G. de Chirico, F. de Pisis, P. Fazzini, F. Gentilini, M. Mafai, M. Marini, G. Manzł, G. Morandi, O. Rosai, G. Severini, A. Tosi, A. Ziveri, C. Bernari, R. Bilenchi, A. Delfini, E. Vittorini, M. Soldati, I. Montanelli, C. Zavattini, C. E. Gadda, C. Sbarbaro, Mirko, E. Paulucci, M. Bontempelli, B, Dal Fabbro, A. Gatto, G. C. Argan, A. Bertolucci, V. Brancati, V. Sereni, R. Birolli, S. Penna, A. Martini, P. M. Bardi, D. Cantatore, G. F. Usellini, G. Comisso, F. Casorati, A. Savelli, F. Clerici, G. Viviani, A. Gerardi.
Le edizioni ripresero nell'immediato dopoguerra, con periodicitą alterna, pubblicando alcume monografie d'arte e numerose cartelle che accompagnavano le poesie di De Libero alle incisioni di artisti contemporanei. Nel 1979, dietro lo stimolo di De Libero, Giuseppe Appella e Giovanni Battista Ferri rifondano le Edizioni della Cometa facendone un periodico dell' "Associazione Amici della Letteratura e dell'Arte" della quale Ferri diviene Presidente. La Direzione editoriale e la responsabilitą delle pubblicazioni č assunta da Giuseppe Appella.
A tutt'oggi, le Edizioni della Cometa annoverano, in catalogo, 16 collane con oltre 250 titoli.

home